007 CAGGIA DR SCHWAB

Le radici naziste di Klaus Schwab: qualcuno è scioccato? ALLORA PER FAVORE NON LEGGETE! L’azienda di famiglia di Schwab, Escher Wyss, sfruttava il lavoro degli schiavi e dei prigionieri di guerra alleati e produceva tecnologie chiave per Adolf Hitler per fare le bombe atomiche. Klaus Schwab, il fondatore del World Economic Forum (WEF), è una simpatica e anziana “figura di zio” che ha in mente solo il bene dell’umanità? O forse Schwab è il figlio di un collaboratore nazista che ha sfruttato i lavoratori forzati e ha aiutato i nazisti a sviluppare la prima bomba atomica? Fonte: Truthwits.blog La mattina dell’11 settembre 2001, Klaus Schwab si sedette con il rabbino Arthur Schneier – ex vicepresidente del World Jewish Congress e stretto confidente delle famiglie Bronfman e Lauder – a colazione alla sinagoga Park East di New York. Fonte: Geopolitiker.worldpress.com Insieme, gli uomini assistettero a un evento che avrebbe plasmato il mondo per i successivi vent’anni come nessun altro: lo schianto di due presunti jumbo jet (fasci blu?) contro le torri gemelle del World Trade Center. Oggi, due decenni dopo, Klaus Schwab è di nuovo in prima fila per rivivere un momento che potrebbe scardinare la storia umana moderna. Fonte: Tagesspiegel.de Infatti, Schwab sembra sempre avere un posto in prima fila quando la tragedia colpisce. La sua vicinanza agli eventi che cambiano il mondo è probabilmente dovuta al fatto che è uno degli uomini meglio collegati al mondo. Come forza trainante del WEF, conosciuto come “l’organizzazione internazionale per la cooperazione pubblico-privato”, Schwab corteggia da più di 50 anni a Davos i capi di stato, i principali dirigenti d’azienda e le “élite” del mondo accademico e scientifico. Fonte: www.wforum.org Recentemente, Schwab è incorso nell’ira di numerose persone come il frontman del “Grande Reset”. Non senza ragione: perché il Grande Reset è uno sforzo globale per rimodellare la nostra civiltà globale a beneficio esplicito dell’élite del Forum Economico Mondiale e dei suoi alleati. Alla riunione annuale del Forum nel gennaio 2021, Schwab ha sottolineato che costruire la fiducia sarebbe stato un fattore chiave per il successo del suo Grande Reset, segnalando ai partecipanti che la già massiccia campagna di PR avrebbe dovuto essere ampliata ulteriormente. Mentre Schwab ha chiesto di costruire la fiducia attraverso “progressi” non specificati, la fiducia di solito viene attraverso ciò che si chiama trasparenza. Ma la trasparenza è qualcosa che scarseggia al WEF, che è probabilmente il motivo per cui così tante persone non si fidano di Schwab e delle sue motivazioni. Fonte: iparanastudio.blogspot.com Un’altra ragione della mancanza di fiducia in Schwab e nelle sue idee è che si sa relativamente poco della storia e del background dell’uomo. La maggior parte delle persone conosce Schwab solo come il fondatore del World Economic Forum nei primi anni ’70. Fonte: Google.de E come per molti importanti prestanome che spingono le agende delle élite, i file online di Schwab sono stati scrupolosamente ripuliti. Questo stato di cose ha reso relativamente difficile trovare informazioni sulla sua prima storia e su quella della sua famiglia. Tuttavia, dato che è nato a Ravensburg, in Germania, nel 1938, negli ultimi mesi si è speculato molto sul fatto che la famiglia di Schwab potesse avere legami con lo sforzo bellico dell’Asse. Tali connessioni, se esposte, offuscherebbero la reputazione del WEF e quindi sottoporrebbero la missione così come le motivazioni di quest’uomo ad un esame indesiderato. La seguente indagine esplorerà in dettaglio il passato che Klaus Schwab sta apparentemente cercando di nascondere. Nel processo, viene rivelato il coinvolgimento della famiglia Schwab nella ricerca nazista di una bomba atomica e nel programma nucleare illegale del sistema sudafricano dell’apartheid. Fonte: logo aziendale Particolarmente rivelatrice è la storia del padre di Klaus Schwab, Eugen Schwab, che dirigeva la filiale tedesca, sostenuta dai nazisti, di una società di ingegneria svizzera che era stata un importante appaltatore militare durante la guerra. Questa azienda, Escher-Wyss, ha anche usato lavoratori forzati per produrre macchinari per lo sforzo bellico nazista e ha anche sostenuto gli sforzi nazisti per produrre acqua pesante per il loro programma nucleare. Anni dopo, il giovane Klaus Schwab siederà nel consiglio di amministrazione di questa società e sarà coinvolto nella decisione di fornire al regime razzista dell’apartheid del Sudafrica le attrezzature necessarie per entrare nel club delle potenze nucleari. Fonte: Escher-Wyss Dato che il World Economic Forum WEF è ora un importante sostenitore della non proliferazione nucleare e dell’energia nucleare “pulita”, il passato rende Schwab un sostenitore non particolarmente credibile di questa nobile agenda. Ma non è tutto, se si scava più a fondo nelle sue attività, diventa subito chiaro che il vero ruolo di Schwab è diverso. Per molto tempo, ha plasmato il presente in modo tale da assicurare la continuazione delle “agende globali, regionali e industriali” che sono cadute in disgrazia dopo la seconda guerra mondiale. Questi includono non solo la tecnologia nucleare, ma soprattutto le politiche di controllo della popolazione influenzate dall’eugenetica. Klaus Martin Schwab – custode segreto internazionale? Per chi? Fonte: WEF Nato il 30 marzo 1938 a Ravensburg, in Germania, Klaus Schwab era il figlio maggiore di una normale famiglia nucleare. Tra il 1945 e il 1947, Klaus ha frequentato la scuola elementare ad Au, in Germania. In un’intervista del 2006 all’Irish Times, Klaus Schwab ha ricordato: “Dopo la guerra, ero presidente dell’Associazione Nazionale della Gioventù franco-tedesca. I miei eroi erano Adenauer, De Gasperi e De Gaulle” Klaus Schwab e suo fratello minore, Urs Reiner Schwab, dovevano entrambi seguire le orme del loro nonno Gottfried e del loro padre Eugen e formarsi inizialmente come ingegneri meccanici. Il padre di Klaus aveva detto al giovane Schwab che se voleva fare la differenza nel mondo, avrebbe dovuto formarsi come ingegnere meccanico. Ma questo doveva essere solo l’inizio dell’educazione completa di Schwab. Klaus ha frequentato la Spohn Grammar School di Ravensburg tra il 1949 e il 1957, da cui si è diplomato con l’Abitur. Tra il 1958 e il 1962, Klaus ha lavorato per diversi studi di ingegneria e ha completato i suoi studi di ingegneria meccanica al Politecnico federale di Zurigo nel 1962 con un diploma di ingegneria. L’anno seguente si è anche laureato in economia all’Università di Friburgo, in Svizzera. Dal 1963 al 1966 Klaus ha lavorato come assistente del direttore generale della Federazione tedesca di ingegneria (VDMA) a Francoforte. Nel 1965, Klaus ha ricevuto il suo dottorato dall’ETH di Zurigo con una dissertazione sul tema: “Il credito all’esportazione a lungo termine come problema commerciale nell’ingegneria meccanica” Nel 1966 ha ricevuto un dottorato in ingegneria dal Politecnico di Zurigo. A questo punto, il padre di Klaus, Eugen Schwab, era riuscito a salire in ambienti più alti. Essendo già stato una figura nota a Ravensburg prima della guerra come amministratore delegato della Escher-Wyss, riuscì finalmente a salire fino a diventare presidente della Camera di Commercio di Ravensburg. Nel 1966, alla fondazione del Comitato tedesco per il tunnel ferroviario di Splügen, Eugen Schwab definì la costituzione di questo comitato come un progetto “che crea un collegamento migliore e più veloce per i grandi circoli della nostra Europa, che cresce insieme, e offre così nuove opportunità di sviluppo culturale, economico e sociale.” Klaus Schwab ha conseguito un dottorato in economia presso l’Università di Friburgo in Svizzera nel 1967. Ha conseguito un Master of Public Administration presso la John F. Kennedy School of Government di Harvard negli Stati Uniti. Durante il suo periodo ad Harvard, Schwab fu istruito da Henry Kissinger, che più tardi disse essere una delle tre o quattro personalità che più influenzarono il suo pensiero durante la sua vita. Henry Kissinger e il suo ex studente, Klaus Schwab, salutano l’ex primo ministro britannico Ted Heath alla riunione annuale del WEF del 1980. Fonte: Forum economico mondiale Nell’articolo dell’Irish Times del 2006, Klaus parla di questo periodo come molto importante nella formazione del suo attuale pensiero ideologico: “Anni dopo, quando tornai dagli Stati Uniti dopo aver studiato ad Harvard, ci furono due eventi che ebbero un’influenza decisiva su di me: (1) Il libro “The American Challenge” di Jean-Jacques Servan-Schreiber, che teorizzava che l’Europa avrebbe perso contro gli Stati Uniti perché i metodi di gestione europei erano inferiori a quelli degli Stati Uniti; (2) E questo è rilevante per l’Irlanda – che l’Europa dei Sei divenne l’Europa dei Nove” Sono stati questi due eventi che hanno messo l’attenzione di Klaus Schwab interamente sul cambiamento della corporate governance. Nello stesso anno, il fratello minore di Klaus, Urs Reiner, si laureò all’ETH di Zurigo con una laurea in ingegneria meccanica, e Klaus Schwab divenne assistente del presidente del consiglio di amministrazione nella vecchia azienda di suo padre, la Escher-Wyss, che presto divenne Sulzer Escher-Wyss AG. Qui Klaus Schwab si è occupato della riorganizzazione delle aziende fuse, che ha dato origine anche alle sue connessioni “nucleari”. Fonte: Escher-Wyss La città natale di Schwab – Ravensburg, Germania – fu la prima città tedesca a praticare l’eugenetica (l’uccisione dei “mangiatori inutili”) Ravensburg era un centro di trasporto dell’oro nazista rubato alla Banca svizzera per i regolamenti internazionali gestita da spie della Pilgrims Society, Allan W. Dulles (poi direttore della CIA, 1953-61), Edwin W. Pauley (Allied Reparations) e William J. Donovan, direttore dell’OSS (precursore della CIA controllato dal MI6 – capo di Dulles) Fonte: Wikipedia L’azienda di famiglia di Schwab, Escher Wyss, sfruttava il lavoro degli schiavi e dei prigionieri di guerra alleati, produceva tecnologie chiave per la fabbricazione di bombe atomiche per Adolf Hitler e il Sudafrica, vendeva lanciafiamme svizzeri ai nazisti e fu descritta da Adolf Hitler come un’azienda modello del nazionalsocialismo. L’azienda di Schwab, Escher Wyss, era protetta non solo da Hitler ma anche dalla Svizzera, dalla Gran Bretagna e dall’America, rendendo Schwab un criminale straniero in tutti i sensi. Fonte: www.scharf-links.de La famiglia di KLAUS Schwab e il passato nazista nascosto I propagandisti dei media mainstream e del mondo accademico hanno nascosto il passato nazista di Klaus in una marea di premi, programmi WEF, libri scritti da fantasmi, discorsi, interviste, cattedre onorarie e dottorati da tutto il mondo. I ricercatori dell’AFI hanno definito Klaus un “vecchio brontolone” perché non sorride quasi mai. Ora sappiamo perché. Sa di essere un impostore – un artista da circo che è cresciuto con un cucchiaio d’argento in bocca e che non ha nulla di buono da dire al mondo. I documenti d’archivio della C.I.A. mostrano che Escher-Wyss e Sulzer erano controllate dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti e dal Dipartimento di Stato. Logicamente, questo significherebbe che Klaus Schwab era un triplo agente che lavorava contemporaneamente per i seguenti: (1) la CIA-MI6-UN British-Americans Pilgrims Society, (2) i nazisti (ora Germania) e (3) la Svizzera. Vogliamo davvero che una tripla spia bugiarda gestisca il “Grande Reset” e “Ricostruire meglio”? Fonte: truthbits.blog In terzo luogo, Escher-Wyss era uno dei più grandi datori di lavoro a Ravensburg, in Germania. In quarto luogo, Escher-Wyss fu la prima città della Germania nazista ad applicare i principi dell’eugenetica per uccidere i “mangiatori inutili” emersi dal Kaiser Wilhelm Institute (qualcosa come il National Institute of Health negli USA o il Tavistock Institute nel Regno Unito). Quinto, in contrasto con le storie di propaganda sulla mancanza di industrie belliche a Ravensburg (come motivo per cui gli alleati non bombardarono la città e la sua industria Escher-Wyss), abbiamo scoperto molti peccati inconfessabili di Ravensburg che circondano gli Schwab e la Escher-Wyss. Fonte: Wikipedia Angela Merkel, Theresa May, Dalia Grybauskaite primo ministro Lituania, ISTITUTO TAVISTOCK educazione) Fonte: Wikipedia Oltre alle parti per navi, aerei, sottomarini e centrali elettriche, Escher-Wyss ha anche mediato i lanciafiamme, che sono stati costruiti nella loro fabbrica di Zurigo e venduti ai nazisti. Queste informazioni provengono dagli archivi statunitensi. Questo è stato fatto da Eugen Schwab con un Klaus al suo fianco che all’epoca aveva circa 5 anni. Fornirono anche turbine, compressori ed eliche per navi e sottomarini nazisti, così come turbine a gas per alimentare le macchine da guerra, oltre alla loro tecnologia nucleare. Fonte: Escher-Wyss Escher-Wyss sfruttò i lavoratori schiavi (ebrei, russi, zingari, omosessuali, ungheresi, rumeni, polacchi) e i prigionieri di guerra alleati. Essendo una compagnia di vetrina nazionalsocialista, questo includeva certamente i crimini di guerra biologici del dottor Josef Mengele (“L’angelo della morte”). Fonte: Escher-Wyss LE AZIENDE INTERCONNESSE DI KLAUS & HILDE ORA IMPIEGANO OLTRE 50.000 PERSONE – TUTTE ALIMENTATE DALL’INSIDER TRADING DEL WEF Klaus M. Schwab sposò Hilde Stoll nelle settimane dopo il primo Forum del 1971. Hilde – l’unica confidente . Era un ovvio matrimonio aziendale. La famiglia di Hilde possiede ancora un’azienda di ingegneria meccanica, robotica, intelligenza artificiale e controllo dei processi chiamata FESTO con oltre 20.000 dipendenti. Klaus ha conseguito una laurea e un dottorato in ingegneria presso il Politecnico Federale di Zurigo (ETH) in Svizzera, che è stato co-fondato da Alfred Escher (1855). Fonte: Wikipedia Klaus ha anche ricevuto un master e un dottorato sovrapposti dall’Università dei Gesuiti di Friburgo, Svizzera (1962-67). Nel 1966-67, Klaus fu mandato a Boston per proseguire la sua istruzione ad Harvard. Alla John F. Kennedy School of Government, ha conseguito un master in amministrazione pubblica. Lì ammette di aver lavorato con Henry Kissinger e John K. Galbraith della cerchia interna della Pilgrims Society. Galbraith e Kissinger hanno avuto ruoli di primo piano nelle strategie e nelle tattiche del World Economic Forum. In base alle istruzioni della Pilgrims Society di Kissinger, Klaus Schwab fu incaricato di organizzare l’Europe Management Forum dal 1971. Dal 1965, il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha finanziato lo sviluppo di armi nucleari in Sudafrica, il paese dell’apartheid. Informazioni recentemente scoperte su questo programma top-secret mostrano che Sulzer-Escher-Wyss ha fornito componenti cruciali per l’arricchimento e la detonazione di una bomba nucleare, presumibilmente per i sudafricani. Apparentemente, i loro preziosi branchi di elefanti dovevano essere protetti. I GUERRAFONDAI NUCLEARI (KLAUS SCHWAB E LE SUE FAMIGLIE AFFAMATE D’ORO) GESTISCONO IL FORUM ECONOMICO MONDIALE ++++ COSA HA ESATTAMENTE A CHE FARE SULZER-ESCHER-WYSS CON “CERN”? ++++ Fonte: www.osti.gov La fondazione del Forum Economico Mondiale Nel 1970, il giovane rampante Klaus Schwab scrisse alla Commissione Europea chiedendo aiuto per fondare un “think tank non commerciale per i leader d’affari europei” La Commissione europea avrebbe assunto il patrocinio e inviato il politico francese Raymond Barre come “mentore intellettuale” del Forum. Raymond Barre, che all’epoca era commissario europeo per gli affari economici e finanziari, divenne in seguito primo ministro francese e fu accusato di aver fatto commenti antisemiti mentre era in carica. Così Schwab lasciò Escher-Wyss nel 1970 per organizzare una conferenza di due settimane per dirigenti d’azienda. Nel 1971, il primo incontro del World Economic Forum – allora chiamato European Management Symposium – ebbe luogo a Davos, Svizzera. Il primo Simposio Europeo di Management di Schwab ha visto la partecipazione di circa 450 persone provenienti da 31 paesi, per lo più manager di varie aziende europee, politici e accademici statunitensi. Fu organizzato da Klaus Schwab e dalla sua segretaria Hilde Stoll, che sarebbe diventata la moglie di Klaus Schwab più tardi quell’anno. Fonte: Hilde Schwab News.cgtm.com # Il simposio europeo di Schwab non era un’idea originale. Come lo scrittore Ganga Jey Aratnam ha notato molto giustamente nel 2018: “Lo ‘Spirito di Davos’ di Klaus Schwab era anche lo ‘Spirito di Harvard’. Non solo la business school aveva sostenuto l’idea di un simposio, ma anche l’eminente economista di Harvard John Kenneth Galbraith ha sostenuto le necessità di pianificazione del capitalismo e la convergenza di Oriente e Occidente, oltre alla società affluente” Come ha sottolineato Aratnam, non era la prima volta che Davos ospitava tali eventi. Tra il 1928 e il 1931, il L’Hotel Belvédère ha ospitato le conferenze universitarie di Davos, eventi co-fondati da Albert Einstein e fermati solo dalla Grande Depressione e dalla minaccia della guerra. Fonte: mooncity.de Il Club di Roma e il WEF Il gruppo più influente che ha guidato la creazione del simposio di Schwab è stato il Club di Roma. Questo influente think tank dell’élite scientifica e monetaria, che per molti versi rispecchia il World Economic Forum, lavora anche per promuovere un modello di governance globale guidato da un’élite tecnocratica. Il Club è stato fondato nel 1968 dall’industriale italiano Aurelio Peccei e dal chimico scozzese Alexander King durante un incontro privato in una residenza della famiglia Rockefeller a Bellagio, Italia. Tra i loro primi risultati c’era un libro del 1972 intitolato The Limits to Growth, che si concentrava principalmente sulla sovrappopolazione globale e avvertiva che “la Terra avrebbe raggiunto i suoi limiti entro un secolo se i modelli di consumo del mondo e la crescita della popolazione avessero continuato agli stessi alti tassi di prima” Fonte: Wikipedia

Prins Bernhard reikt Erasmusprijs uit aan Alexander King
*26 november 1987

Alla terza riunione del Forum Economico Mondiale nel 1973, Peccei tenne un discorso che riassumeva il libro, che è ricordato sul sito del Forum Economico Mondiale come l’evento eccezionale di quella storica riunione. Nello stesso anno, il Club di Roma ha pubblicato un rapporto in cui presentava un modello “adattivo” per la governance globale che avrebbe diviso il mondo in dieci regioni economico-politiche interconnesse. IlClub di Roma è stato a lungo controverso a causa della sua ossessione di ridurre la popolazione mondiale e a causa di molte delle sue precedenti misure, che i critici hanno descritto come eugenetiche e neo-malthusiane. Tuttavia, il famigerato libro del Club del 1991, La prima rivoluzione globale, sosteneva che tali politiche potevano ottenere il sostegno popolare se le masse erano in grado di collegarle a una lotta esistenziale contro un nemico comune. Club di Roma, il “cavallo di Troia”? Fonte: rense.com A tal fine, “La prima rivoluzione globale” contiene un passaggio intitolato “Il nemico comune dell’umanità è l’uomo”, che afferma quanto segue: “Nella nostraricerca di un nemico comune contro il quale unirci, ci è venuta l’idea che l’inquinamento, la minaccia del riscaldamento globale, la scarsità d’acqua, la carestia e simili avrebbero fatto al caso nostro. Nella loro totalità e nelle loro interazioni, questi fenomeni rappresentano effettivamente una minaccia comune che dobbiamo affrontare tutti insieme. Ma nominando questi pericoli come il nemico, cadiamo nella trappola di cui abbiamo già avvertito i lettori, cioè confondere i sintomi con le cause. Tutti questi pericoli sono causati dall’intervento umano nei processi naturali e possono essere superati solo cambiando atteggiamenti e comportamenti. Il vero nemico, quindi, è l’umanità stessa.” Negli ultimi anni, l’élite che popola il Club di Roma e il Forum economico mondiale ha spesso sostenuto che i metodi di controllo della popolazione sarebbero essenziali per proteggere l’ambiente. Non è quindi sorprendente che il World Economic Forum usi allo stesso modo le questioni del clima e dell’ambiente per vendere decisioni politiche impopolari, come il Grande Reset, come inevitabili. Fonte: Gala.de Il passato è un prologo Dalla fondazione del World Economic Forum, Klaus Schwab è salito fino a diventare una delle persone più potenti del mondo, e il Grande Reset che ha spinto rende più importante che mai interrogare l’uomo sul trono globalista. Dato il suo ruolo prominente nello sforzo di vasta portata di trasformare ogni aspetto dell’ordine attualmente esistente, la storia di Klaus Schwab è stata difficile da ricercare. Se si inizia a scavare nella storia di Schwab, che siede accanto ad altri oscuri leader dell’élite, si scopre rapidamente che molte informazioni sono state nascoste o addirittura rimosse. Schwab è ovviamente una persona che preferisce rimanere negli angoli bui della società. Affronta l’uomo medio, invece, con una maschera ben messa in scena. Quindi il vero Klaus Schwab è davvero solo una figura di vecchio zio gentile che vuole fare del bene all’umanità, o forse è più il figlio di un collaboratore nazista che ha approvato il lavoro in schiavitù e ha aiutato i nazisti a costruire la prima bomba atomica? È Schwab l’uomo d’affari onesto di cui dovremmo fidarci, che finge di voler creare una società più giusta e posti di lavoro per l’uomo comune? O è la persona che ha aiutato a guidare Sulzer Escher-Wyss in una rivoluzione tecnologica che ha portato al suo ruolo nella fabbricazione illegale di armi nucleari per il regime razzista dell’apartheid del Sudafrica? Fonte: Immagini Wikipedia Le prove che abbiamo visto non indicano un uomo amichevole, ma piuttosto un membro di una famiglia ricca e ben collegata che ha sostenuto governi aggressivi e razzisti nella creazione di armi di distruzione di massa. Come disse Klaus Schwab nel 2006: “La conoscenza sarà presto disponibile ovunque – la chiamo la ‘Googlisation’ della globalizzazione. Non si tratta più di quello che si sa, ma di come si usa quella conoscenza. Devi essere un pioniere” Klaus Schwab si considera un pioniere e un top player, e bisogna ammettere che le sue qualifiche e la sua esperienza sono piuttosto impressionanti. Ma Schwab non pratica ciò che predica, il che lo rende inaffidabile. Una delle tre principali sfide nella lista delle priorità del World Economic Forum è la non proliferazione delle armi nucleari, ma né Klaus Schwab né suo padre Eugen hanno vissuto secondo questi principi nel loro tempo come imprenditori. È il contrario. Fonte: Immagini Wikipedia Fonte: Immagini Wikipedia Nel caso degli Schwab, le prove non puntano semplicemente a cattive pratiche commerciali o a qualche tipo di malinteso. Piuttosto, la storia della famiglia Schwab rivela un’abitudine a collaborare con dittatori genocidi per motivi di base come il profitto e il potere. I nazisti e il regime sudafricano dell’apartheid sono due dei peggiori esempi di politiche fallimentari, ma gli Schwab ovviamente non potevano o non volevano riconoscerlo all’epoca. Klaus Schwab ha cercato di mascherare le reliquie dell’era nazista – le ambizioni nucleari e di controllo della popolazione. Mentre era un alto dirigente della Sulzer Escher-Wyss, l’azienda ha cercato di sostenere le ambizioni nucleari del regime sudafricano. In seguito, attraverso il Forum Economico Mondiale, Schwab ha contribuito a riabilitare le politiche di controllo della popolazione del dopoguerra influenzate dall’eugenetica, anche se le rivelazioni delle atrocità naziste avevano portato questa pseudoscienza in grande discredito. C’è qualche ragione per credere che Klaus Schwab sia cambiato in qualche modo? O piuttosto, non è ancora altro che il volto pubblico di un’agenda molto vecchia la cui sopravvivenza deve essere assicurata? La domanda finale sulle vere motivazioni del signor Schwab è forse la domanda più importante di tutte per il futuro dell’umanità: Klaus Schwab sta cercando di creare la quarta rivoluzione industriale o forse sta cercando di creare il quarto impero? Fonte: WEF Nelle sue conferenze, Schwab parla pubblicamente della quarta rivoluzione industriale, che non cambia ciò che facciamo, ma siamo cambiati. L’internet del corpo è una possibilità di controllare la nostra salute con il corpo, che è già usata da molte persone ogni giorno con l’orologio della salute per controllare il sonno e le sue fasi di recupero, il polso, il cuore, ecc. Tutti i dati sono automatizzati. Cosa mangiamo, cosa compriamo, cosa possiamo fare per la nostra salute mentale, chi incontriamo per uscire, quanta energia usate, come potete ridurre la vostra età biologica. L’apprendimento non può essere automatizzato, e nemmeno i sentimenti, ma attraverso la rete globale possiamo controllare le persone e quindi manipolare e cambiare il loro comportamento. “Con la capacità di visualizzare l’attività cerebrale, con un semplice dispositivo EEG su misura per i consumatori, otteniamo un accesso a noi stessi che non avremmo mai pensato possibile. Questo decodifica la scatola nera, black box, il nostro cervello e ci permette di realizzare veramente un’identità che è veramente creata da WEF e aspirazionale” Continua dicendo: “Quando la mente umana arriva a conoscere se stessa, il riordino della nostra società è scontato” Pensiamo che una delle parti più importanti di una società libera e aperta sia la libertà di pensiero. Finora si è trattato di libertà di pensiero. Una volta che abbiamo accesso ai pensieri e ai sentimenti delle persone, dobbiamo creare uno spazio che permetta alle persone di pensare liberamente, di avere un’opinione diversa e di essere creative. E in una società in cui le persone devono avere paura di pensare tali pensieri, la probabilità che le persone godano di questa tecnologia è molto ridotta. Fonte: Madtruther.com, Christian-im-Widerstand.info, anti-spiegel.ru Questo è solo un piccolo estratto dal WEF e dai pensieri e dal lavoro di Klaus Schwab. Nel suo libro The Great Reset, i più importanti cambiamenti pianificati e l’influenza sono riassunti ancora una volta. Non è una coincidenza che il libro sia arrivato sul mercato con il piano Covid 19. Il Grande Reset è un’iniziativa del World Economic Forum (WEF) che prevede una rimodellazione della società e dell’economia globale sulla scia della Plandemie. Fonte: Telegramma Se si segue la proposta del World Economic Forum (WEF), la pandemia COVID-19 rappresenta un momento opportuno per modellare nel modo più efficace una ripresa economica globale e la direzione futura delle relazioni, delle economie e delle priorità mondiali. Il principe Carlo ha sottolineato durante la presentazione del piano che il contenuto stabilito in esso dovrebbe avvenire solo con il consenso dell’umanità Fonte: Wikipedia Di conseguenza, la futura ripresa economica deve mettere il mondo su un percorso di sostenibilità. Questo richiede un cambiamento radicale e la riorganizzazione dei sistemi sociali ed economici. Dimensioni importanti di questa economia sostenibile per un Grande Reset sono: Innovazione, scienza e tecnologia. Dice che “non saremo più in grado di distinguere la realtà dalla finzione” …Il cervello è una scatola nera, che deve essere cambiata per la società e il suo ambiente per la continuazione del nostro futuro. Il cosiddetto transumanesimo. Ci sono medici che, da un lato, mettono in guardia contro i vaccini genetici perché possono cambiare il DNA umano e, dall’altro, annunciano che l’intenzione è quella di collegare le persone a un’intelligenza artificiale attraverso un collegamento neurale. Quella che sembra un’idea folle di un film di fantascienza e che quindi potrebbe essere facilmente scartata, si trova in realtà sul sito del World Economic Forum ‘THE GREAT RESET’ ed è disponibile per tutti, anche se non nei dettagli. Uno dei Mengele, Contis, Hess, Hoess e Co. della nuova generazione è il dottor Fauci Fonte: hillreporter.com Siamo ora nelle prime fasi della quarta rivoluzione industriale che riunisce sistemi digitali, fisici e biologici” Klaus Schwab dice: “Una delle caratteristiche distintive di questa quarta rivoluzione industriale è che non sta cambiando ciò che facciamo, sta cambiando noi. Siamo certi che la crisi di Corona è stata creata artificialmente per distruggere l’economia globale e rendere la gente dipendente dallo stato. Vediamo anche i disordini civili globali e le proteste come creati deliberatamente per essere destabilizzanti. La soluzione a tutti questi problemi è ora IL GRANDE RESET, che è strettamente legato all’Agenda 2030. Per Klaus Schwab, è essenziale riprogettare e ricostruire il mondo. La crisi ha aperto gli occhi alla gente e l’ha resa più ricettiva ai grandi cambiamenti. Il nuovo sistema è potere e controllo, si diventa un cyborg transumanista. Ciò che significa essere umano sarà ridefinito e controllato. Un nuovo governo mondiale sta per emergere e non è più lontanamente umano. Che questi dettagli di ‘THE GREAT RESET’ siano così accessibili a tutti mi lascia senza parole. Quanto devono essere progrediti i nostri tempi se uno osa rendere pubblica una cosa del genere? Queste sono informazioni di prima mano da coloro che intendono istituire una dittatura digitale globale in cui le persone sono rese prive di volontà e possono essere controllate a distanza. Lo troviamo incredibile e ci ricorda che coloro che hanno preso il marchio della bestianon si rivolgono più a Dio anche se stanno vivendo i disastri della Tribolazione. Potrebbe essere che non siano in grado di pentirsi a Dio perché un’intelligenza artificiale proibisce loro di farlo o di pensare questi pensieri? Fonte: die-tagespost.de Non possiamo prevedere in dettaglio come avverrà, né possiamo stimare se il 5G porterà effettivamente all’infertilità universale come lei pensa. Se si dovesse arrivare a questo, gli umani sarebbero progettati e allevati solo per essere controllati a distanza. Quanto sarebbe perverso? Il dottore la chiama “la disumanizzazione dell’umanità” e dice che “Corona è la trasformazione digitale”. Parla di “assassinio degli esseri umani e della creazione” e dice che la digitalizzazione vuole strisciare nell’anima e nel corpo delle persone. Poi aggiungete a questo la manipolazione del DNA, attraverso la quale gli umani geneticamente modificati possono perdere la loro redimibilità, perché Yeshua è morto solo per l’umanità e non per gli umanoidi migliorati. Sappiamo che Satana era un assassino e un distruttore fin dall’inizio. Lo chiama con il suo giusto nome: “È l’agenda anti-Cristo e anti-umana. Ci disumanizzerà” Si vede come un esecutore, una forza motrice con una volontà irrefrenabile di creare.

  • La frase del Club di Roma “L’uomo è nemico dell’uomo” può essere presa nel senso che l’uomo è imperfetto “in se stesso”. Pertanto, sono necessari leader speciali per guidare il destino dell’umanità nella “giusta” direzione.
  • Questo può anche aver fatto di lui un convinto sostenitore del transumanesimo, una scuola di pensiero che cerca di superare i limiti dell’essere umano attraverso processi tecnologici. Per il mission-conscious Schwab, questo “impegno per il progresso” è razionalizzato nell’interesse dei valori dell’umanità.
  • Il tema della bevandaöil tema del controllo della popolazione si nutre di un certo atteggiamento da padrone. Attraversa praticamente tutti i circoli potenti, è anche l’obiettivo di Gates, Rockefeller e altri.
  • Kissinger può averla affilata per quanto riguarda il pericolo che le persone razionali, deliberanti e fattuali possano neutralizzare lo slancio di persone creative e amanti del rischioö
  • Dal Club di Roma ha imparato che gli obiettivi “sgradevoli” devono essere confezionati in tendenze generalmente accettate per avere successo. Il modo migliore è lasciarli navigare nella scia della lotta contro un nemico comune (“Corona”)
  • Fonte: Telegramma

Ringraziamo gli autori Geri Ungurean, Johonny Vedmore, Michael e Sonja

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *